Durisch + Nolli


  • 009
  • Teatro Sociale
  • Bellinzona
  • 1993 - 1997

piazza Governo 11, CH-6500 Bellinzona

Committente: Comune di Bellinzona
Architetti: Giancarlo Durisch, Pia Durisch e Aldo Nolli

 

Il Teatro, costruito nel 1847 sui piani dell’architetto milanese Giacomo Moraglia, ricalca, in misura ridotta, lo schema tipologico del teatro all’italiana. Il confronto con la pianta della Scala di Milano evidenzia, nonostante le notevoli differenze dimensionali, l’analogia tipologica, distributiva e geometrica dei due edifici: basti pensare che il Teatro Sociale troverebbe posto sul palco della Scala.
La Struttura del Teatro è costituita da un involucro in muratura massiccia che avvolge l’invaso teatrale ligneo, come una custodia che protegge il suo prezioso strumento.
Il restauro è di carattere conservativo per gli spazi interni dei ridotti, dell’invaso teatrale e delle facciate esterne. Particolare cura è stata posta nella nuova costruzione della torre scenica e del corpo dei camerini, che fanno del Teatro Sociale un teatro moderno e funzionale.
L’integrazione discreta degli impianti tecnici e di sicurezza dell’edificio, che occupano circa la metà del volume disponibile, ha richiesto uno sforzo progettuale estremamente intenso, paragonabile all’apparato teatrale necessario per l’allestimento di una pièce: il teatro stesso diviene, in questo modo, un’architettura surreale, una mise en scène di se stesso, in cui gli spettatori diventano, a loro volta, “personaggi in cerca di autore”.